Il Gigante Nero

Il Gigante Nero

Il gioviano caldo WASP-104b è un pianeta nero come il carbone, condannato a una profonda oscurità e avvolto in un denso strato di nebbia che assorbe quasi tutta la luce in arrivo dalla sua stella.

I gioviani caldi sono giganti gassosi con massa simile a quella di Giove, ma localizzati molto più vicino alla loro stella, con periodi orbitali inferiori ai 10 giorni. Una delle caratteristiche di questi mondi alieni è di essere relativamente scuri: solitamente riflettono il 40 percento della luce stellare che li raggiunge. Ma occasionalmente gli astronomi scoprono mondi giganti ancora più scuri, come WASP-12b, scoperto lo scorso anno, che assorbe almeno il 90 percento della luce che lo raggiunge. WASP-104b è ancora più scuro: assorbe intorno al 97 percento della luce stellare. Un team di scienziati della Keele University, U.K., ha descritto in un nuovo studio questo strano mondo, uno dei più scuri mai osservati.

La ragione di questa natura oscura ha a che fare probabilmente con la vicinanza del pianeta alla sua stella, una nana gialla a circa 466 anni luce di distanza da noi, nella Costellazione del Leone. Trovandosi ad una distanza dalla stella di soli 4,3 milioni di chilometri, il mondo gigante impiega appena 1,75 giorni per completare un’orbita. WASP-104b rivolge sempre la stessa faccia alla sua stella, cosicché su un lato del pianeta è sempre giorno e sull’altro domina una notte permanente. Il lato diurno è così caldo che le nuvole non possono formarsi, e le nubi sono tipicamente molto riflettenti. Al contrario WASP-104b ha una spessa atmosfera nebbiosa, contenente sodio e potassio che assorbono la luce nello spettro visibile, rendendo il pianeta molto scuro sul lato rivolto alla stella. Sul lato notturno le nubi possono formarsi, ma non arriva mai la luce del giorno.

Anche se praticamente non riflette radiazione luminosa, lo strano mondo alieno emette luce a causa della sua alta temperatura. Questa caratteristica dona al pianeta una tonalità rosso profondo simile al metallo incandescente o alla brace in un focolare. Il pianeta più scuro che si conosca è un gioviano caldo chiamato TrES-2b, che riflette appena l’1 percento della luce stellare che lo colpisce. Ma WASP-104b potrebbe avere il potenziale per scalzare questo primato e ambire alla corona di gigante nero.
[ Barbara Bubbi ]

Nell’immagine rappresentazione artistica del pianeta WASP-12b
Image credit: NASA, ESA, and G. Bacon (STScI)

Libro consigliato per approfondire l’argomento:

Acquista su Amazon.it

https://www.sciencealert.com/hot-jupiter-wasp-104b-one-of-the-darkest-planets-ever