Una nuova galassia estremamente rara

Una nuova galassia estremamente rara

 

A circa 359 milioni di anni luce dalla Terra si trova una galassia con un nome che non dice nulla di particolare, PGC 1000714, eppure è dissimile da tutto ciò che gli astronomi hanno osservato finora. Una nuova ricerca fornisce la prima descrizione di questa galassia dotata di un nucleo ben definito di forma ellittica circondato da due anelli circolari. L’oggetto straordinario appartiene ad una rara classe di galassie, di tipo Hoag. Lo studio è stato condotto da scienziati dell’University of Minnesota e del North Carolina Museum of Natural Sciences.

“Meno dello 0,1 percento di tutte le galassie osservate sono di tipo Hoag”, afferma Burcin Mutlu-Pakdil, a guida dello studio. Si tratta di nuclei sferici circondati da un anello circolare senza nulla di visibile a collegare le due strutture. La maggioranza delle galassie osservate sono a forma di disco come la Via Lattea, ma galassie come questa, dall’aspetto insolito, forniscono indizi fondamentali sulla formazione ed evoluzione galattica.

 

I ricercatori hanno raccolto immagini multibanda della galassia, utilizzando un telescopio nelle Ande cilene. Le immagini sono state utilizzate per determinare l’età di due delle principali strutture della galassia, l’anello esterno e il corpo centrale. È stato individuato un anello esterno giovane e blu (0,13 miliardi di anni), che circonda un nucleo centrale rosso e più vecchio (5,5 miliardi di anni), ma i ricercatori sono rimasti sorpresi della straordinaria scoperta di un secondo anello più interno attorno al corpo centrale.

“Abbiamo osservato in precedenza galassie dotate di un anello blu attorno ad un corpo centrale, la più famosa delle quali è l’Oggetto di Hoag. Tuttavia la caratteristica unica di questa galassia è che sembra sia presente un diffuso anello interno rosso più vecchio”, ha detto Patrick Treuthardt, uno degli autori dello studio.

Gli anelli galattici sono regioni dove le stelle si sono formate dallo scontro di nubi di gas. “I diversi colori dell’anello interno ed esterno suggeriscono che questa galassia abbia sperimentato due differenti periodi di formazione”, afferma Mutlu-Pakdil. “Da queste iniziali immagini è impossibile comprendere come si siano formati gli anelli di questa particolare galassia”. I ricercatori fanno notare che ottenere immagini di altre galassie come questa potrebbe aiutare a comprendere la formazione e l’evoluzione delle galassie appartenenti a questa straordinaria tipologia.

Mentre le forme della galassia possono essere il prodotto di interazioni nell’ambiente interno o esterno, gli autori ipotizzano che l’anello più esterno possa essere il risultato del fatto che questa galassia abbia incorporato parti di una galassia nana ricca di gas, che si trovava un tempo nelle vicinanze.

“Ogni volta che troviamo un oggetto strano o persino unico da studiare, questo cambia le nostre teorie ed assunzioni correnti su come funzioni l’Universo. Di solito ciò suggerisce che abbiamo ancora molto da imparare”, ha concluso Treuthardt.
[ Barbara Bubbi ]

http://phys.org/news/2017-01-extremely-rare-galaxy.html

Credit: Ryan Beauchemin